Young Champions of the Earth 2019

Covestro e ONU alla ricerca dei talenti del futuro per l’ambiente e l’innovazione.

Vuoi essere uno di loro?
Covestro Young Champions
Covestro scommette sulla creatività e il coraggio dei giovani scienziati e imprenditori e supporta Young Champions of the Earth, il contest del programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente che ogni anno premia i 7 migliori progetti finalizzati alla salvaguardia del pianeta. Per chi ha fra i 18 e i 30 anni e un’idea capace di plasmare il futuro, Young Champions of the Earth è l’occasione giusta per trasformare un progetto in un’attività concreta di livello internazionale. Abbiamo chiesto a Barbara Scannavini, responsabile comunicazione di Covestro in Italia, di raccontarci come poter partecipare e come è nata questa collaborazione.
Perché partecipare a Young Champions of the Earth?

Young Champions of the Earth è l’occasione concreta di dare spazio e voce al proprio progetto di difesa, tutela e salvaguardia dell’ambiente attraverso l’innovazione. Il premio è una piattaforma globale al centro di una rete di connessioni formidabili con stakeholders e decision makers di tutto il mondo e offre la possibilità imperdibile di trovarsi al centro di un network globale d’eccellenza nella ricerca. I 15.000 dollari del premio sono il carburante per dare corpo e struttura al proprio sogno, entrando in contatto con giovani colleghi di tutto il mondo, lasciandosi ispirare da chi condivide lo stesso obiettivo: rendere il mondo un luogo migliore attraverso la sostenibilità e la ricerca.

Quale è il legame fra Young Champions of the Earth e Covestro?

Covestro nasce con l’idea di unire due esigenze globali ineliminabili: crescere e progredire per creare benessere per tutti e trovare soluzioni perché questo processo sia sostenibile per l’ambiente. L’Onu ha lanciato un appello preciso per trovare soluzioni coraggiose e innovative che concilino sviluppo e salvaguardia dell’ambiente, contrastando il climate change e le sue conseguenze. Young Champions of the Earth è un modo per stimolare I giovani adulti fra 18 e 30 anni a farsi avanti e proporre le loro idee per plasmare il futuro del pianeta nel quale vivranno.
Covestro Barbara Scannavini
Barbara Scannavini

La prospettiva di Covestro è globale e proiettata al futuro, affianchiamo l’Onu con orgoglio sui progetti relativi alla sostenibilità.

Come si inserisce il tema del futuro nell’identità Covestro?

#PushingBoundaries, uno dei motti nei quali più ci riconosciamo, parla chiaro riguardo lo slancio di Covestro verso il futuro e riguardo la rotta da seguire per noi: avere il coraggio di osare e pensare in modo nuovo e diverso per individuare nuove soluzioni. La prospettiva di Covestro è globale e proiettata al futuro, affianchiamo l’Onu con orgoglio sui progetti relativi alla sostenibilità, ancora di più quando coinvolgono giovani da tutto il mondo e rappresentano l’occasione di mettere insieme energie diverse capaci di pensare in modi sorprendenti.

Arpit Dhupar, Young Champion of the Earth 2018 per la regione Asia-Pacifico, ha visitato l’headquarter di Covestro a Leverkusen, come è stato l’incontro?

Incontrare Arpit Dhupar ha dimostrato che i giovani hanno le energie, l’entusiasmo e le competenze per contribuire in modo concreto a trovare nuove strade capaci di conciliare sviluppo e sostenibilità attraverso la ricerca. Arpit Dhupar, che ha 25 anni, lavora su un progetto finalizzato a limitare specifiche tipologie di emissioni da generatori diesel ed è già fra i 30 giovani imprenditori più influenti secondo la classifica annuale della rivista Forbes. Nell’ambito degli inno.talks Covestro, ha raccontato a dipendenti e collaboratori il suo percorso scientifico e imprenditoriale, spiegando come la sua azienda, Chakr Innovation, abbia sviluppato il Chakr Shield per i generatori diesel, perché, senza interferire con la loro efficienza, riducano di quasi il 90% l’emissione di polveri sottili. Non solo: le polveri vengono raccolte e riutilizzate per produrre inchiostro non inquinante.

Come si fa a candidarsi per essere uno dei nuovi Arpit Dhupar?

Per approfittare di questa occasione è necessario presentare il proprio progetto entro il 31 marzo 2019 attraverso questo link diretto nella sezione UN Environment http://web.unep.org/youngchampions//. Una giuria internazionale sceglierà i 7 progetti migliori che diventeranno gli Young Champions of the Earth 2019. Cerchiamo persone che abbiano la voglia, il coraggio e le conoscenze per vedere oltre la crisi e ripensare la relazione fra uomo e ambiente: siamo certi che il mondo sia ricco di giovani con queste qualità e Young Champions of the Earth è l’occasione migliore per emergere. Come ha dichiarato il CEO di Covestro il Dr. Markus Steilemann, gli ultimi due anni di impegno a fianco degli Young Champions of the Earth ha dimostrato l’interesse e l’impegno che le nuove generazioni hanno nei confronti del futuro del pianeta, una passione ampiamente condivisa da Covestro. Steilemann ha sottolineato che questa competizione globale è una piattaforma straordinaria per i giovani professionisti che vogliono vedere i loro sogni diventare realtà. E l’obiettivo di tutti è quello di Covestro: rendere il mondo un posto migliore e più sostenibile.